Notizie

04/12/2006 - Questa notizia è stata letta 328 volte.

Gli artigiani del Lago danno una mano all'ambiente

Saranno circa un migliaio le imprese artigiane che da oggi avranno finalmente la possibilità di collocare in modo razionale e rispondente alle esigenze ambientali, tutti i materiali inerti prodotti dalle lavorazioni delle loro aziende: (terre da scavo e sbancamento, materiali inerti da costruzione e demolizione, materiali di varia granulometria, come sabbie e ghiaie, che trovano collocazione sul mercato come materiali per realizzare sottofondi stradali, riempimenti, rimodellamento morfologico del territorio, piste di cantiere, realizzazione di strade di montagna).

Grazie infatti alla sottoscrizione della convenzione fra Confartigianato Imprese di Como e l’impresa Decati Martino & Figli s.n.c. che opera con il proprio impianto sul territorio di Castiglione Intelvi, le imprese edili ed affini, ma non solo, che operano nel territorio della Valle Intelvi avranno la possibilità di conferire i propri “rifiuti” derivanti dalle attività di costruzione e demolizione, direttamente presso l’impianto Decati.

L’area destinata a “messa in riserva” dei materiali, scaricati direttamente dagli automezzi in ingresso, presenta una superficie di 400 mq circa e una capacità volumetrica complessiva di circa 100 mc con adeguato spazio di manovra automezzi e distanze di sicurezza dai macchinari.

Le motivazioni che hanno portato a siglare la convenzione tra Confartigianato Imprese Como e l’impresa “Decati Martino e Figli”, scaturiscono dagli evidenti vantaggi che ne derivano al territorio, alle aziende e soprattutto all’ambiente. Infatti assicura alle imprese della Valle Intelvi un comodo e facile sistema di smaltimento dei propri rifiuti da materiali da costruzione e demolizione che vengono prevalentemente recuperati, a tutela dell’ambiente e del territorio. Avvantaggia le imprese associate a Confartigianato Imprese Como con un trattamento economico agevolato da parte dell’impresa “Decati Martino e Figli snc”, per consentire un abbattimento dei costi di smaltimento e quindi dei costi di gestione  dell’impresa e contribuisce alla tutela dell’ambiente e del territorio della Valle d’Intelvi, con un vantaggio per tutta la popolazione e non solo per le imprese e rappresenta, quindi, un contributo concreto al miglioramento della qualità della vita.

(nella foto, il Presidente di Confartigianato Cornelio Cetti e Marco Decati siglano la convenzione)

(nella foto panoramica una parte dell'impianto per il recupero dei materiali inerti a Castiglione Intelvi)

Altri Articoli